Skip to end of metadata
Go to start of metadata

Traduzioni: Inglese e altre lingue


Informazioni generali

Apache OpenOffice 4.1.3 è una versione di manutenzione che contiene soluzioni per bug importanti, aggiornamenti di sicurezza, aggiornamenti dei dizionari e miglioramenti alla struttura del codice. L'aggiornamento è consigliato a tutti gli utenti di Apache OpenOffice 4.1.2 o versioni precedenti. Apache OpenOffice 4.1.3 può essere scaricato, come sempre, dal sito ufficiale http://www.openoffice.org/it/ . Questo documento spiega le novità di questa versione e le soluzioni ai problemi più comuni.

Nuove funzionalità

  • Aggiornati dizionari (elenco completo in calce)
  • BZ 125980 La moneta di default per la Lituania è diventata l'Euro
  • Miglioramenti agli strumenti di sviluppo

Sistemazioni di bug

  • BZ 126622 Base 4.1.2 su Mac OS X non apriva correttamente tabelle e ricerche. Questa regressione di OpenOffice 4.1.2, corretta nella versione 4.1.3, si applicava a tutte le tabelle e ricerche in database su Mac OS X.
  • La soluzione del problema di sicurezza CVE-2016-1513,  che era stata fornita come patch per il codice sorgente e poi come libreria binaria disponibile per il download per le varie piattaforme, è ora incorporata in OpenOffice 4.1.3; per maggiori informazioni vedere BZ 127045.
  • BZ 127100 La versione Windows ora usa una versione aggiornata, e più sicura, di NSIS

Per un prospetto completo di tutti i problemi risolti vedere questo elenco in Bugzilla.

Supporto linguistico

  • OpenOffice 4.1.3 supporta le stesse lingue della versione precedente.
  • Non sono state aggiornate traduzioni.
  • I seguenti dizionari sono stati aggiornati:
English (en_GB)English (en_US)

 

German (de)German Austria (de_AT)German Switzerland (de_CH)
Dutch (nl)French (fr)Italian (it)
Spanish (es)Romanian (ro)Russian (ru)
Khmer (km)Scottish Gaelic (gd)Basque (eu)
Slovanian (sl)Norwegian (no)Swedish (sv)
Portuguese European (pt_PT)Catalan (ca_XV)

 

Per un elenco completo delle lingue e dei language pack disponibili vedere la pagina di download (guardare l'elenco delle lingue)

Piattaforme supportate

Le versioni binarie sono fornite per le stesse piattaforme previste dalle precedenti versioni di OpenOffice 4.x:

  • Windows
  • Mac OS X
  • Linux 32-bit (RPM e DEB)
  • Linux 64-bit (RPM e DEB)

Problemi noti

  • Mac OS X: Apache OpenOffice 4.1.3 verrà segnalato da Gatekeeper. Questa funzionalità del sistema operativo aiuta a proteggersi da malware. Questa procedura consente di funzionare alle applicazioni non installate tramite App Store.

  • Mac OS X: A causa di un malfunzionamento noto di Oracle Java non ancora risolto, le installazioni di OpenOffice su OSX che non dispongono della versione Apple Java 6, non saranno in grado di individuare Oracle Java 7,8 e forse anche 9. La soluzione temporanea per mitigare questa problematica è installare Apple Java 6. Questo permetterà ad OpenOffice di sfruttare le funzionalità che richiedono Java.

  • Per sviluppatori: il pacchetto di sorgenti di OpenOffice 4.1.3 non compilerà sulle versioni 32-bit di Ubuntu 14.04 e distribuzioni simili. I sorgenti falliscono in main/svl con il seguente errore: undefined reference to `__stack_chk_fail'. Si può aggiirare il problema copiando e incollando il comando che fallisce ed eseguirlo manualmente con accodato “-lc” (poiché il simbolo mancante __stack_chk_fail è invece presente in libc, ma il linker non lo cerca lì).

  • Per sviluppatori: la SDK di OpenOffice non compilerà con Java 8. Provare a compilare con l'opzione --disable-odk oppure leggere gli archivi della mailing-list dev per le possibili soluzioni.

Informazioni per l'installazione

Leggere la pagina: http://www.openoffice.org/download/common/instructions.html

Tenetevi informati su Apache OpenOffice

Vi invitiamo ad iscrivervi alla mailing-list degli annunci su OpenOffice per ricevere notifiche importanti come aggiornamenti e informazioni sulla sicurezza, è sufficiente inviare una email a announce-subscribe@openoffice.apache.org.

Potete seguire il progetto anche dai social network: Twitter, Facebook e Google+.

 

  • No labels